Sulla sponda del lago Ontario mi sono seduta e ho pianto.

Sulla sponda del lago Ontario mi sono seduta e ho pianto.

Che invenzione stupida, le frontiere.

I confini, l’immigrato, l’emigrato, il clandestino, l’extracomunitario, il rifugiato, l’esiliato, il bianconerogiallolivastro. Tu sì, io no. Tu no, io sì.

Possibilità. Una chance. Dove sta il nostro diritto alla possibilità?

Questi tramonti sullo skyline fanno brutti scherzi.

L’orologio canadese è un tictac che accellera.

Tic

Tac

Tic Tac

TicTac

Tictactictactictactictactictac.

Sulla sponda del Lago Ontario capisco. Il tuo profilo grigio illuminarsi alle ultime luci del sole. Accetto il cambiamento.

Mi sono ritrovata?

Forse, un timido soffio alla volta, mi avvicino a chi sono.

 

IMG_5128

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...